CARI GENITORI: UNA PEDAGOGISTA AL VOSTRO FIANCO

CARI GENITORI: UNA PEDAGOGISTA AL VOSTRO FIANCO

Da tanti anni ormai vivo l’esperienza degli incontri con i genitori che mi contattano per ricevere supporto al loro impegno verso i figli.

È stata ed è un’avventura ricca e interessante. Un’esperienza colma di scambi anche emotivi con le persone che si sono rivolte a me, con le loro storie e le loro domande.

Questo tipo di consulenza pedagogica sulla genitorialità, più di vent’anni fa, non era né frequente, né molto conosciuta. In genere, veniva fatta da psicologi, pediatri o neuropsichiatri infantili, con un taglio ben diverso.

Pedagogista: che professione è?

L’attività del pedagogista rispetto alla genitorialità è ancora relativamente poco conosciuta o considerata. Il pedagogista, nei tempi passati, era visto come un precettore, un insegnante, un educatore che dedicava il proprio lavoro ai bambini e ragazzi. Era soprattutto un formatore e il suo intervento era rivolto ai minori, non certo agli adulti.

Nel tempo questa professione si è evoluta e modificata ed ora il pedagogista è riconosciuto come uno specialista dell’educazione. Il suo lavoro trova applicazione in molti ambiti pubblici e privati (sociale, didattico, formativo, genitorialità, preventivo, sperimentale, divulgativo, …). La sua progettualità si rivolge alle persone in tutto il loro ciclo di vita, dall’infanzia alla vecchiaia, con percorsi individuali o di gruppo, in base ai diversi bisogni e contesti di intervento.

L’aiuto del pedagogista verso i genitori: perché?

Molte persone, ancora, non hanno chiaro il ruolo del pedagogista come consulente per i genitori. Viene tuttora confuso con la figura dello psicologo, mentre il pedagogista ha una sua specifica competenza professionale in ambito educativo.

Credo anche che alcuni genitori provino un po’ di resistenza al pensiero di rivolgersi a qualcuno per ricevere aiuto rispetto all’educazione dei loro figli.

Probabilmente questo deriva dalla convinzione che essere genitori sia un ruolo del tutto naturale, che non necessita di guida o aiuto da parte di specialisti. Questo, però, era forse vero per una società molto più semplice della nostra, che si basava su delle relazioni famigliari molto più rigide e schematiche. Le nuove generazioni, invece, sono cambiate e stanno cambiando. Così come cambiano le dinamiche tra genitori e figli, in una società sempre più complessa.

È però comprensibile il timore di essere visti o giudicati come “non capaci”, “inadeguati” nel compito più “naturale” del mondo: allevare ed educare i figli. Come se dovessero ammettere una propria carenza, una mancanza o una incompetenza che era del tutto impensabile per le generazioni precedenti.

Genitori consapevoli

Invece – e sottolineo, invece – i genitori consapevoli si pongono delle domande. Se vivono alcune difficoltà nella relazione con i figli ne cercano i motivi, vogliono trovarne i significati, chiedono aiuto.

Sono assolutamente da apprezzare, da valorizzare i loro sforzi nel mettersi in gioco, nel voler capire cosa accade e come procedere. Tanto di cappello a quei genitori che hanno voglia di confrontarsi, di trovare la loro strada e di seguirla!

Non è né facile, né immediata la disponibilità a raccontarsi, a svelarsi, che i genitori trovano quando scelgono di chiedere una consulenza pedagogica.

Hanno però capito che, nella maggior parte dei casi, il comportamento dei loro figli, magari faticoso, ingombrante, incomprensibile, può dipendere da loro. Può derivare dal loro atteggiamento come genitori, dal loro stesso comportamento, da ciò che esprimono a parole o nei fatti. Vogliono cambiare le cose e decidono di attivarsi, con una grande dimostrazione di amore per i loro figli.

L’educazione

Oggi più che mai l’educazione dei figli è una priorità imprescindibile e riporto volentieri la citazione che appare nella home page di questo Sito.

L’Educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo” (Nelson Mandela)

Per incontri di consulenza

Si possono fare incontri di consulenza in studio oppure in videochiamata, in base alle preferenze soggettive.

Per leggere di più potete vedere l’articolo “STAI VIVENDO DIFFICOLTÀ COMUNICATIVE ED EDUCATIVE NEI RAPPORTI CON TUO FIGLIO O TUA FIGLIA?” di cui vi metto il link:

https://www.educazionequotidiana.it/pedagogia-quotidiana-per-genitori/colloqui-pedagogici-in-videochiamata-o-telefonici/

Per contattarmi, avere informazioni o per prendere un appuntamento per colloqui anche in videochiamata o telefonici, trovate tutti i miei riferimenti nella pagina dei CONTATTI:

https://www.educazionequotidiana.it/contatti/

Vi metto anche il link ad un precedente articolo “ESSERE GENITORI OGGI”:

https://www.educazionequotidiana.it/pedagogia-quotidiana-per-genitori/essere-genitori-oggi/

L’immagine di questo articolo è di Rossella Meneguzzo

12 gennaio 2021