UN NUOVO ANNO SCOLASTICO PIENO DI INCERTEZZE

UN NUOVO ANNO SCOLASTICO PIENO DI INCERTEZZE

Il rientro a scuola è il banco di prova (a tutti gli effetti) su cui si stanno puntando energie, pensieri e aspettative. È una scommessa per tutti, perché di una scommessa si tratta, in fondo. Si punta sulla voglia di farcela, nella speranza che batta il virus uno a zero!

Lo so. Lo so che in questi giorni proliferano articoli, servizi televisivi, notizie sulla ripresa dell’anno scolastico. Sul fatto che sia colmo di incognite, ostacoli, ma anche ricerca di soluzioni e speranze. Magari non ne potete più di tutti questi discorsi e pensate che bisognerà solo aspettare e vedere come andrà.

Voglio però dire qualche parola anch’io su questa nuova partenza tra i banchi di scuola, senza retorica, scrivendo di getto quello che penso. Senza negare l’evidenza di tutte le difficoltà, ma senza preclusione alle possibilità di riuscita.

Il mio pensiero va a tutti i protagonisti di questa sfida.

A voi care bambine e cari bambini

Avete vissuto un periodo stranissimo mesi fa, a casa da scuola, senza poter uscire e incontrare i vostri compagni, vedendo le vostre maestre in video. Con l’aiuto dei vostri genitori, dei nonni, di altri famigliari e dei vostri insegnanti, avete affrontato qualcosa che sono sicura vi ricorderete anche in futuro.

Siete stati pazienti e forse anche un po’ contenti talvolta di tutte quelle novità e vi siete abituati ad una situazione strana e complicata. Penso che abbiate scoperto di avere capacità che non sospettavate e che possiate sentirvi orgogliosi di voi stessi.

Ora la scuola sta per ricominciare e credo proprio che abbiate voglia di tornarci, sicuri che gli adulti intorno a voi faranno il possibile per proteggervi e guidarvi. Voi farete la vostra parte, ormai avete imparato come si fa, conoscete a memoria le regole da rispettare per la sicurezza di tutti. Imparerete e seguirete sicuramente quelle nuove, che la vostra scuola ha preparato per voi.

Il mio augurio, che è anche un consiglio, è che possiate vivere questo momento con fiducia e allegria. Tuffatevi in questa nuova avventura!

A voi care ragazze e cari ragazzi

Parte il nuovo anno scolastico, così inedito, con nuove regole, richieste e aspettative, ma anche nuove scoperte, emozioni e domande. Che stato d’animo imprevedibile e forse difficile da comprendere starete provando!

Voi ragazzi e ragazze, più giovani o più grandi, probabilmente siete stati tra quelli che hanno risentito di più della reclusione forzata. Tuttavia avete dato prova di maturità e senso di responsabilità, che possono aver stupito voi per primi.

Credo che, grazie ai momenti di involontaria solitudine, abbiate incontrato parti emotive di voi stessi ancora ignote, coltivato pensieri e profondità di riflessione inaspettate. Sicuramente ne avrete fatto tesoro o, quantomeno, ripescherete queste vostre possibilità emotive e razionali al momento giusto.

Gustate il più possibile questa ripresa, godete di ogni momento di ritrovata “normalità”, qualunque cosa voglia dire per voi la parola normalità.

Penso che questo 2020 sarà indimenticabile anche per voi. Più di altri anni, ha portato caos, timore e incognite, ma anche ragione, coraggio e volontà di ripartire! Come se aveste fatto una prova generale della vostra capacità di adattarvi, ora sapete di avere più strumenti per affrontare gli imprevisti. Trasformate questa esperienza in un trampolino di lancio verso la vita che vi state preparando a costruire!

A voi genitori

Avete vissuto insieme ai vostri figli un periodo di cambiamento epocale, una specie di terremoto che ha fatto tremare molte certezze e cambiare abitudini.

Ora le incognite ci sono ancora e sono molte, anche se, rispetto ai mesi passati, forse sono più contenute e certamente si è tutti più preparati.

Vi siete barcamenati tra mille ostacoli, ingegnati in modi creativi per far funzionare le cose, tenendo a bada l’ansia e regalando sorrisi di incoraggiamento.

Sapevate che, soprattutto con i bambini, il vostro stato d’animo avrebbe fatto la differenza nel farli sentire al sicuro. È questo il dono più importante che adesso possiate fare ai vostri figli, bambini o ragazzi che siano: la fiducia nel riprendere la scuola. Sostenendoli e guidandoli con il vostro esempio a fare la loro parte, per se stessi e per gli altri, ogni giorno, tutti insieme.

A voi che operate nella scuola

A voi educatori, insegnanti, operatori socio-sanitari, collaboratori scolastici, personale amministrativo, responsabili e dirigenti scolastici è richiesto un grande compito. In ogni ordine di scuola, dal Nido alla Scuola Superiore – senza dimenticare l’Università – la ripresa contiene sfide e possibilità.

La vostra capacità di far fronte all’uragano che ha colpito e scardinato certezze e abitudini, è stata grande. Molte iniziative e molto lavoro sono ricaduti sulle vostre spalle e avete messo in campo buon senso e creatività, con una rapidità sorprendente.

Tutti voi state facendo un lavoro di preparazione per voi stessi e per gli studenti che non ha eguali nella storia scolastica. Gli ostacoli sono tanti, così pure i nodi ed i ritardi, le preoccupazioni e le responsabilità, lo sappiamo. Però, la maggior parte di voi è pronta a riprendere il lavoro, con impegno e prudenza. Il vostro atteggiamento può ispirare fiducia negli alunni e incoraggiarli a ripartire e darsi da fare.

Non si può sapere come andranno le cose ma, con la collaborazione di tutti, andranno il meglio possibile. Sì, il meglio possibile, perché non si punta alla perfezione! Non ci sono certezze né si può pensare di tenere sotto controllo ogni cosa, ogni evento ed ogni dettaglio.

A tutti voi

A tutti voi auguro una buona partenza ed un buon anno scolastico!

13 settembre 2014

Vi lascio i link ad un paio di articoli precedenti, pubblicati durante l’emergenza sanitaria.

BAMBINI E EMERGENZA SANITARIA: AFFRONTARLA CON EQUILIBRIO E POSITIVITÀ

BAMBINI E “FASE DUE”: COME IN UN GIOCO EDUCATIVO…