I NOSTRI SENSI, ESPLORATORI DEL MONDO: L’OLFATTO

I NOSTRI SENSI, ESPLORATORI DEL MONDO: L’OLFATTO

I nostri sensi…

I nostri sensi sono gli impalpabili esploratori che ci mettono in contatto con il mondo esterno e che, dopo aver impresso nella memoria sensoriale ciò che abbiamo sperimentato, attraversano il tempo e lo spazio e ci permettono di rievocare un’immagine, un suono, un odore, un gusto o una sensazione tattile, come se fosse lì in quel momento, intatta e potente.

L’olfatto…

Tra tutti i sensi l’olfatto è forse quello che, nel mondo cosiddetto civilizzato, utilizziamo meno anche se è quello più arcaico, forse collegato alla nostra parte istintiva più profonda ed ai nostri vissuti primordiali, come quelli della vita intrauterina, dell’allattamento, del profumo dei primi abbracci…

Credo valga sempre la pena di tenerlo vivo, allenato, perché può riservarci sorprese sublimi, incontri con profumi apparentemente dimenticati, ma che possono attivare ricordi sorprendentemente attivi, anche se sommersi da tempo sotto strati di vita vissuta: un profumo avvertito di sfuggita può farci ripensare ad una persona importante del nostro passato; l’odore di una pietanza che avvertiamo all’improvviso può far tornare nostalgici ricordi d’infanzia… e così via…

Con i bambini, giocare ad annusare…

Mentre accompagnate i vostri bambini alla scoperta del mondo circostante e fate loro scoprire gli oggetti, le persone, il cibo, le piante, gli animali, ecc. non dimenticate di stimolare anche il loro senso dell’olfatto.

Abituateli ad utilizzare di più il loro naso, a non passare frettolosamente attraverso le esperienze, ma a soffermarsi sugli odori ed i profumi di casa, del giardino, del parco, della spiaggia, …

Come in un gioco potete invitarli ad annusare la frutta, prima con la buccia e poi senza, per poi divertirvi a far loro indovinare, ad occhi chiusi, tra una mela, una pera ed un’arancia: “Che frutto è?”, solo grazie al profumo che emana…

Oppure potete far loro sentire il profumo di alcune piante aromatiche: il basilico, il rosmarino, la salvia… e poi farle riconoscere e distinguere ad occhi chiusi e perfino, chissà, indovinare quale aroma avete messo nel sugo, nella cottura dell’arrosto o delle verdure…

Anche il profumo della saponetta o del bagnoschiuma, come quello del dentifricio, possono diventare occasione di un gioco di conoscenza sensoriale, per non parlare dei fiori (in un vaso o nel vostro giardino oppure al vivaio), per dar vita a dei giochi grazie ai quali i bambini possono diventare, con loro grande soddisfazione, degli insuperabili “segugi”.

Sensazioni, associazioni mentali, ricordi…

Potete anche stimolare la loro capacità associativa chiedendo di descrivere quell’odore o quel profumo, usando dei paragoni “è come…” “assomiglia a…” “mi ricorda…”, abbinando degli aggettivi “un profumo dolce… o agrumato… o forte, leggero, soave, fastidioso,…”, chiedendo se quel profumo piace e perché, “cosa ti ricorda?” … In questo modo accompagnate i vostri bambini ad utilizzare termini specifici ampliando il loro repertorio di vocaboli, creando la buona abitudine di dare un nome, collegare parole ad ogni esperienza. Sapete bene che, facendolo a partire da un’emozione, da un significato collegato ad un vissuto, sotto forma di gioco e quando la loro curiosità è elevata, la loro attenzione sarà al massimo, ed ogni nuovo apprendimento verrà ricordato con più facilità e si integrerà naturalmente con quelli precedenti.    

Insomma… le possibilità sono infinite e a portata di mano, anzi… di naso. Sta alla vostra fantasia e voglia di sperimentare trovare come farle diventare occasioni di scoperta, apprendimento e divertimento.

Magari potreste accorgervi che, qualche volta, i vostri figli avranno finalmente voglia di mangiarsi un bel frutto, di cui avranno imparato a riconoscere quel profumo inconfondibile… o che mangeranno più volentieri una pietanza perché “sapranno” riconoscere quale aroma avete utilizzato per cucinarla e si sentiranno anche loro degli “esperti” in cucina, come voi…

Nel prossimo articolo parleremo del senso del GUSTO…

05 gennaio 2019



2 thoughts on “I NOSTRI SENSI, ESPLORATORI DEL MONDO: L’OLFATTO”